Osso riassorbito

Quando un dente o più denti vicini vengono estratti, l’osso che li sosteneva viene riassorbito sempre di più col passare del tempo. Se a carico del dente o dei denti vi sono state infezioni o peggio ancora si erano formati ascessi,la quantità d’osso persa può essere notevole. Inoltre, se successivamente sono state utilizzate protesi rimovibili, parziali o complete, il riassorbimento osseo sarà stato più veloce e marcato.

Quale che sia la causa, la conseguenza è quella, una volta persi i denti, di non avere un volume d’osso sufficiente ad accogliere degli impianti per riabilitarli. È proprio in questi casi che le tecniche chirurgiche ed implantari innovative offrono soluzioni che fino a pochi anni fa erano impensabili. Vi sono infatti raffinate tecniche di ricostruzione dell’osso per aumentarne il volume fino ad un livello adeguato.

Per quanto riguarda l’implantologia, invece, si possono utilizzare i nuovi impianti corti, che pur necessitando di volumi ossei minori assicurano la stessa tenuta o gli impianti posizionati in modo inclinato, che permettono di bypassare le zone con poco osso sfruttando quelle dove esso è ancora presente. Con la combinazione di queste tecniche è quasi sempre possibile ottenere risultati eccellenti anche nei casi considerati “impossibili”.

osso_riassorbito_mobilità_dentale

Soluzioni e
terapie

Potresti avere un problema, clicca uno dei
trattamenti in base alle tue preferenze