Trattamento della malattia perimplantare

ecco le fasi della terapia »

Fase 1

Diagnosi clinica e radiografica con individuazione delle problematiche sia a carico degli impianti che dei denti eventualmente presenti. Valutazione della prognosi degli impianti infetti: recuperabili/non recuperabili

Fase 2

Fase igienica con sedute di pulizia sopra e sotto gengivale, istruzione e motivazione del paziente ad una efficace e corretta igiene domiciliare

Fase 3

Fase chirurgica: in caso di impianti recuperabili si procede alla bonifica della parte infetta. Se non sono recuperabili vengono rimossi e se possibile sostituiti. Creazione delle condizioni ideali per un nuovo tipo di riabilitazione

Fase 4

Controlli di guarigione e del mantenimento igienico, eventuale prosecuzione della nuova riabilitazione implanto protesica

La malattia perimplantare comunemente detta “perimplantite”, è una malattia ancora più subdola della malattia parodontale. Essa sta diventando enormemente diffusa a causa del fatto che la stragrande maggioranza degli impianti dentali in titanio vengono inseriti dai dentisti in bocche affette da malattia parodontale non curata.

La malattia perimplantare colpisce la gengiva e l’osso attorno agli impianti in titanio. Come la malattia parodontale, è causata da placca batterica e da una predisposizione genetica all’infiammazione, ma diversamente da essa e’ molto più rapida nel distruggere l’osso e la sua terapia e’ molto più difficile.

Essendo Faggian Clinic una clinica di Parodontologia, frequentemente ci troviamo ad affrontare casi di gravi malattie parodontali e perimplantari combinate, in persone che pochi anni prima avevano eseguito terapie implantari presso altri dentisti, senza prima aver ricevuto un corretto trattamento della malattia parodontale.

Se la malattia perimplantare non è molto avanzata, il risultato della terapia può essere molto buono, ma se la perdita ossea attorno agli impianti in titanio ha superato il 40-50% , in molti casi bisogna ricorrere alla rimozione degli stessi.

Consultate il vostro parodontologo se avete degli impianti in titanio e vedete questi segni:

  • Mobilità dei denti ancorati agli impianti
  • “Prurito” alle gengive attorno agli impianti
  • Sangue sul cuscino quando vi svegliate al mattino
  • Gengive che sanguinano allo spazzolamento o mangiando cibi duri
  • Gengive arrossate, gengive gonfie, o da cui fuoriesce pus
  • Alitosi o sapore sgradevole persistenti
  • Denti con evidente mobilità
  • Difficoltà a masticare
  • Creazione di spazi tra i denti a causa di spostamenti dentali
  • Ascessi gengivali o gonfiori sospetti

Caso A

Questo paziente, si è rivolto in Faggian Clinic, perché da anni lamentava al suo dentista precedente, gonfiori gengivali continui e migranti, alitosi e sanguinamento alle gengive, ottenendo come unica risposta che andava tutto bene e che tenesse ben puliti i denti con l’igiene domiciliare.
In realtà il paziente aveva sviluppato una gravissima forma di malattia perimplantare che ha richiesto una fase igienica molto difficoltosa a causa della enorme perdita ossea che ha colpito gli impianti negli anni.
Come si può vedere dalle fotografie, il risultato a 3 mesi di distanza è molto buono, ma le gravissime perdite ossee che hanno colpito questo paziente, non hanno soluzione a meno che non decida di riabilitare nuovamente la sua bocca.

Prima

Prima

Radiografia iniziale

Radiografia iniziale

 

Dopo

Dopo

Radiografia dopo la fase igienica perimplantare

Radiografia dopo la fase igienica perimplantare

Medici specializzati nella terapia